Archives

PROGETTO “PAIS”

Dal 2011 con il Comune di Settime, l’Associazione PIAM onlus gestisce il progetto di accoglienza per profughi e rifugiati PAIS, nell’ambito dello SPRAR (Sistema Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati) del Ministero dellʼInterno, finalizzato all’accoglienza, integrazione e tutela dei richiedenti asilo e rifugiati.
Ad oggi sono state ospitate 7 famiglie di diverse nazionalità (Afghanistan, Nigeria, Siria, Somalia e Turchia (Kurdistan), per un totale di 31 persone (13 adulti e 18 minori). II progetto, in rete con altri Enti ed Istituzioni pubblici e privati del territorio offre accoglienza, assistenza sanitaria, insegnamento della lingua italiana, formazione professionale, assistenza legale, tutela della maternità e dell’infanzia, accompagnamento verso l’autonomia

TEMPO DIURNO E TUTORAGGIO

La Jokko scs gestisce dal 2009 per conto dell’ASL-AT (Ser.T) un Centro Diurno a bassa soglia per le dipendenze ed un’attività di Tutoraggio all’inclusione sociale e lavorativa di persone con patologie di dipendenza.
Il servizio prevede la creazione di uno spazio in cui fornire informazioni corrette, allo scopo di prevenire i rischi legati alla contrazione di malattie sessualmente trasmissibili (in particolare AIDS) e quelli legati al rischio di overdose, favorire momenti aggregativi, ludici, espressivi e di confronto, interventi socio-assistenziali (pasti, igiene personale….), colloqui e counselling. distribuzione di materiale di profilassi per prevenire i rischi legati all’AIDS e all’overdose, lavoro di rete con gli altri servizi presenti sul territorio per favorire una presa in carico degli utenti.
Il servizio di sostegno attraverso le borse lavoro e tutoraggio ha l’obiettivo di creare condizioni per favorire l’ingresso dei soggetti svantaggiati nel mercato del lavoro attraverso un migliore collegamento tra i soggetti che operano nel campo dell’inserimento lavorativo di tal utenza e le aziende presenti sul territorio della Provincia di Asti.

SPAZIO BIMBI

Dall’ottobre 2010 Jokko gestisce lo SPAZIO BIMBI nell’ambito del progetto “Parlando si impara” in partnership con la Croce Rossa e la Prefettura di Asti.
Il progetto prevede Corso di formazione a donne straniere, con figli in età scolare, a rischio di emarginazione.
La cooperativa Jokko si occupa di uno “spazio bimbi” e uno “spazio mamme” in cui le donne possano apprendere l’italiano, essere informate e orientate sulle strutture e sui servizi locali, poter contare su un luogo accogliente in cui incontrarsi e stringere legami relazionali e amicali; un luogo in cui poter portare con sé i bambini non ancora inseriti nei servizi educativi: mentre le mamme seguono le lezioni presso le aule della scuola primaria “Gramsci” destinate alle attività pomeridiane del doposcuola “Peter Pan”, i loro bambini sono accuditi da personale educativo qualificato, incaricato di gestire uno spazio gioco in parallelo allo svolgimento del corso di italiano per le mamme, nei locali del “Trovamici” di Via Monti ad Asti.

Nodo Provinciale UNAR

In collaborazione con la Cooperativa Jokko s.c.s., presso il Servizio Politiche Sociali della Provincia, è stato creato il Nodo provinciale di ASTI della Rete nazionale antidiscriminazioni – UNAR , sportello con il compito di raccogliere le segnalazioni e monitorare i fenomeni di discriminazione (origine etnica, età, disabilità, orientamento sessuale, convinzioni religiose e genere) presenti sul territorio astigiano. Lo sportello collabora con il Centro Regionale Contro le Discriminazioni della Regione Piemonte e con l’UNAR, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Servizio Mediazione Culturale

Dal 2010 gestisce per conto del Comune di Asti il Servizio di Mediazione Culturale presso lo Sportello Stranieri.
Lo sportello offre: Orientamento delle opportunità offerte dal territorio al fine di agevolare il processo di integrazione; Informazioni sulla legislazione regionale, nazionale e comunitaria; Assistenza nella compilazione di specifica modulistica; Assistenza nella stesura di lettere di richiesta informazioni da inoltrare alla locale Questura; Azioni di raccordo e mediazione con le strutture pubbliche (Questura, Prefettura, ASL 19, Centro ISI, CTP, Direzioni Scolastiche, CSA) e ditte private, datori di lavoro, Cooperative, Associazioni di categoria in un’ottica di servizi in rete e in collegamento sinergico; Gestione del progetto “Dedalo”: servizio di prenotazioni per l’accesso alla Questura e alla Prefettura, consultazioni delle liste dei permessi pronti sia cartacei che elettronici e della lista degli utenti che non si sono presentati in Questura per il fotosegnalamento; Controllo sul portale del Servizio postale delle convocazione in Questura per il fotosegnalamento; Aggiornamento periodico del sito web del Comune con pagine tradotte in lingua straniera; Gestione di specifici progetti finalizzati all’integrazione; Ascolto orientamento e accompagnamento nomadi presenti nelle aree sosta comunali.

Centro Accoglienza Maschile

CENTRO DI ACCOGLIENZA MASCHILE PER ADULTI IN STATO DI GRAVE DISAGIO E SENZA FISSA DIMORA E CENTRO DI ACCOGLIENZA TEMPORANEA PER FAMIGLIE IN EMERGENZA ABITATIVA E ALLOGGI DESTINATI A PROGETTI DI REINSERIMENTO SOCIALE (MONITORAGGIO E ACCOMPAGNAMENTO) – COMUNE DI ASTI

Da giugno 2011 gestisce per conto dell’Associazione Peter Pan il “Centro di prima accoglienza maschile per adulti in stato di grave disagio e senza fissa dimora”.
Le attività di custodia e gestione del Centro soddisfano i bisogni socio assistenziali di natura temporanea, ponendosi come servizio di bassa soglia e di primo intervento. Il centro ha come principale funzione l’offerta di ospitalità notturna a persone in condizione di grave disagio e prive di fissa dimora.
La capienza del centro è di 12 posti più uno per l’emergenza, aumentati a 15 nel periodo freddo e pertanto l’accesso avviene compatibilmente con la disponibilità di posti liberi e secondo il regolamento di accesso. L’inserimento nel Centro avviene con ammissione diretta da parte del personale addetto dell’Associazione ovvero, in caso di necessità, tramite segnalazione del Settore Politiche Sociali, Istruzione e Servizi Educativi.

L’Associazione Peter Pan ha affidato agli operatori della Jokko scs la gestione del “Centro di accoglienza temporanea per famiglie in emergenza abitativa” in continuità con la gestione del servizio di cui sopra.
Attraverso la figura di un operatore della cooperativa ed in collaborazione con il Servizio Sociale del Comune di Asti, si svolge il servizio di accompagnamento e monitoraggio in favore delle famiglie ospiti del centro in oggetto. Si lavora attraverso una relazione d’aiuto che analizza i problemi dell’utente, si propone di costruire una nuova visione di tali problemi e di attuare un piano di azione per realizzare la finalità desiderata dall’utente (prendere decisioni, migliorare relazioni, sviluppare la consapevolezza, gestire emozioni e sentimenti, superare conflitti, ricercare un lavoro adatto alle capacità, attuare percorsi formativi, quali anche le borse lavoro e/o tirocini, ricercare una sistemazione abitativa). In tal modo si accompagnano i componenti delle famiglie, laddove possibile, verso un reinserimento sociale e lavorativo verso l’autonomia

DOPOSCUOLA “L’ISOLA CHE NON C’È”

Dall’ottobre 2012 La Strada scs gestisce un Servizio doposcuola per bambini dai 6 ai 13 anni presso il Quartiere San Quirico, Asti costruito in collaborazione con la Diocesi, gli Oblati di S. Giuseppe Marello, il Comune di Asti e la Scuola Elementare A. Frank.
Il servizio offre assistenza nello svolgimento dei compiti oltre ad attività educative e laboratoriali rivolte agli alunni delle scuole elementari e medie che necessitano di un prolungamento della permanenza a scuola oltre l’orario scolastico.

SERVIZIO DOMICILIARE TERRITORIALE

Eʼ un servizio di assistenza e sostegno per il mantenimento a domicilio di Persone anziane parzialmente non autosufficienti. Sulla base di un progetto individualizzato si lavora per la permanenza della Persona presso il proprio domicilio attraverso la relazione con tutte le figure sociali e sanitarie che ruotano quotidianamente attorno alle Persona. Un servizio di sostegno e di valorizzazione delle risorse residue.

RESIDENZA PER ANZIANI “S. ALUFFI”

La Residenza per Anziani “S. Aluffi” rappresenta lʼopportunità di poter applicare il concetto della Persona anziana legato al principio culturale di domiciliarità, intendendo per domicilio, non più la casa in cui la Persona ha vissuto e da cui, per varie vicissitudini si è dovuta allontanare, ma un nuovo ambiente, adeguato alla Persona stessa, al suo vissuto e rispettoso della sua interiorità: che comprenda cioè quel che tutti noi possiamo ben intendere e riconoscere come “esistenza”. Vogliamo promuovere una cultura di Residenza per Anziani dove lʼapertura alla domiciliarità diventa fatto naturale e spontaneo, inteso a promuovere in modo molteplice la valorizzazione della Persona anziana sotto tutti i vari aspetti psicofisici e relazionali, in qualsiasi condizione questa si trovi. Ci sembra quindi che per ognuno valga la pena di riflettere come, al posto dellʼormai vecchio modello di casa di riposo sganciata dalla vita quotidiana, si possa concretizzare dallʼesterno e verso lʼesterno, la nuova cultura della Struttura Residenziale. Da qui lʼimpegno per realizzare un ambiente comodo, piacevole, individualizzato, con unʼassistenza specifica personalizzata e con un livello di attenzione che permetta anche e soprattutto allʼanziano non autosufficiente, la maggiore autonomia di vita. Questo anche attraverso percorsi di apertura, sia in entrata che in uscita, verso il territorio, per evitare il senso di isolamento e di distacco dalla vita e dalla comunità che così spesso affligge la vecchiaia.

PICCOLE MANUTENZIONI

Nel 2011 si è iniziata l’attività delle piccole manutenzioni. Nell’anno 2012 la squadra, che comprende tecnici e manovali, ha lavorato sia nelle strutture del consorzio e delle cooperative che ad esso afferiscono, sia sul mercato privato. I lavori che siamo in grado di effettuare comprendono:

– tinteggiatura per interni ed esterni, imbiancature e verniciature;
– opere in cartongesso;
– interventi su impianti elettrici, con la possibilità di rilasciare regolare certificazione;
– piccoli interventi idraulici;
– piccole riparazioni;
– altri molteplici servizi quali: traslochi di non grande entità, consegne a domicilio, sistemazione giardini, pulizie, svuotamento cantine e solai.

MENSA, CATERING “LO ZENZERO” E PULIZIE

Sono azioni promosse da NO PROBLEM SOCIETAʼ COOPERATIVA SOCIALE trasformatesi nel tempo in attività di impresa. Servizi erogati sul territorio in attività professionali e di inserimento lavorativo, in contesti tipici ma che qualificano lʼorganizzazione di eventi, manifestazioni, meeting e che ne forniscono un servizio appropriato alla cittadinanza.

INDUMENTI USATI

Raccogliere indumenti per ridare vita ad un abito che prematuramente viene, dalle assurde regole della “civiltà dellʼusa e getta”, considerato inadeguato, sorpassato, insomma declassato a rifiuto. Ed ecco allora che nel riabilitare un rifiuto ad un abito “usato” si ha la possibilità di rivalutare la parola usato nel più antisonante attributo “vissuto”. La cosa vissuta rievoca in noi la magia che solo il tempo è in grado di attribuire alle nostre vite, alle nostre cose. Ed ecco che di colpo si riattribuisce dignità e valore. Un nuovo valore. Il valore della sobrietà, il valore dellʼecologia, della storia. Vista sotto questa luce, come è simile la storia di un abito alle nostre storie! Credere fortemente che ogni vita ha un valore e una dignità che nessuna vicenda umana o stigma sociale potrà mai negare. E allora noi, che del diritto al lavoro abbiamo fatto impresa, ribadiamo con forza che lʼecologia nasce dal nostro modo di pensare, di vedere: unʼecologia della mente, dellʼuomo e dellʼambiente.

Dal 1996 la Cooperativa sociale “Punto Lavoro Impressioni Grafiche” gestisce in collaborazione con la Caritas diocesana di Acqui e la ditta Tesmapri un servizio di raccolta indumenti usati in cassonetti.

Dal 2011 lo stesso servizio è attivo in Provincia di Asti ad opera della Cooperativa “No Problem” in collaborazione con la Caritas diocesana di Asti e la ditta Tesmapri.

Anche questo è per noi un settore di incontro, di scambio, ricco di significati; evocativo come gli altri di una filosofia di vita che è alla base del nostro agire quotidiano.